8-15 agosto a Bosco Chiesanuova VR: mostra di GIANNI FRANCESCHINI

Siete invitati alla mostra dell’artista Gianni Franceschini dal titolo “Passaggio in Lessinia”


Introduzione

Gianni Franceschini
nasce a San Giovanni Lupatoto in provincia di Verona il 22 giugno 1954.

Dopo studi classici si laurea al DAMS di Bologna in Drammaturgia col prof. Giuliano Scabia.

E’ pittore fin da ragazzo. Finito il liceo sperimenta varie esperienze artistiche, cantautore, mimo, clown. A metà anni settanta trova la sua collocazione ideale nel settore dell’animazione teatrale e quindi nel teatro ragazzi, nel teatro popolare e di ricerca. Nel 1978 inizia la sua carriera professionale in questo ambito. La pittura resta la sua attività più sentita, tanto da diventare parte fondamentale anche nel teatro.

E’ attualmente direttore artistico della compagnia d’arte e teatro Viva Opera Circus della Compagnia Franceschini Performingarts

http://www.compagniafranceschini.it/

Passaggio in Lessinia

Mostra personale di Gianni Franceschini

a cura di Licia Massella
da lunedì 8 a lunedì 15 agosto dalle ore 10 alle 23

Presentata da Galleria Massella APS

presso la Sala mostre del Centro culturale del Comune di Bosco Chiesanuova Verona

in piazzetta Suor Maria Giuseppa Scandola, 4 (dietro la Chiesa)
Con il patrocinio del comune di Bosco Chiesanuova

e grazie alla collaborazione con l’Associazione Bei Passi


Inaugurazione: martedì 9 agosto alle ore 11

Aperitivo di fine mostra: lunedì 15 agosto ore 11

Informazioni 348 75 60 462 www.galleriamassella.com


Evento collaterale aperto al pubblico:
Domenica 14 agosto ore 17:30 Nella sala conferenze adiacente:

presentazione del libro di poesie sulla Lessinia “Angonare de Suspiri” di Agnese Girlanda 

a cura di Licia Massella

Testo di presentazione della mostra personale di GIANNI FRANCESCHINI

PASSAGGIO IN LESSINIA

31/07/2022   Licia Massella


Con le anime dei grandi artisti si può solo apparentemente scherzare perchè in fondo si tratta sempre di un discorso serio e profondo.
Le immagini dipinte da Gianni Franceschini, immagini deliziose, armonicamente o drammaticamente composte, raccontano di noi, di ciò che stiamo vivendo “dentro”:

traumi, sofferenze, speranze, sogni, appelli ai miti che hanno superato ciò per cui stiamo ancora lottando.
Passaggio in Lessinia: 23 opere pittoriche.
23 tessere di un mosaico composto per sfuggire all’ansia di respiro del Covid e le conseguenze traumatiche dei vaccini, della guerra, della mancanza di identità e di lavoro. Ansia che fa appello alle tradizioni di resistenza, alla forza della natura, martoriata più di noi,… al mare costretto a ingoiare rifiuti e profughi.
Blu infatti, in questa mostra, è il colore che riempie persino le montagne, le colline, le arti, di cui solo l’essere umano è artefice, detentore irresponsabile, indegno ed ingrato. L’elenco dei titoli delle opere in mostra appare già una sceneggiatura: con la rabbia di figure fiabesche, come le streghe in volo e le anguane circondate da fuochi d’artificio,….che “sfociano dal mare nella montagna” in eterne, impossibili soluzioni di eternità, come l’amore, la casa, la contrada, l’arte.
Fino a farci coinvolgere in danza e pittura nella casa di un Arlecchino Montanaro. Fino a farci urlare come il lupo: ”Non mi prenderete mai!”
Mostra che conduce a rivolgere lo sguardo e il respiro verso l’alto, la purezza, la libertà per una prossima anelata rinascita.
Sesta mostra personale in collaborazione con Galleria Massella, sesta occasione per portare avanti valori umani di estrema bellezza e necessità.

Ora in Lessinia dove l’animo dell’artista chiede di volare. Non si tratta di una fuga, ma di una scelta di vita responsabile, creativa, in sintonia con la natura.
Ogni opera porta il valore di un impegno etico ed estetico.

Grazie a coloro che parteciperanno con noi a questa rete di sogni, di gioia e di futuro.

Vi aspettiamo!  

Sabato 28 maggio ore 18 in GALLERIA MASSELLA di via Dietro Filippini 13 a Verona inaugurazione della mostra “Sguardi” di Francesca Taietti

Sabato 28 maggio 2022 alle ore 18 si terrà, presso Galleria Massella in via Dietro Filippini, 13 a Verona, la prima mostra personale di Francesca Taietti intitolata “Sguardi” a cura di LiciaMassella. 

Francesca, originaria di Nogara e classe ’76, è tante cose: moglie da 16 anni; madre di due figlie, Isabel e Alice; educatrice per la tutela dei minori e clown di corsia. A tutto ciò si deve anche aggiungere la sua passione per l’arte, cominciata fin dalla giovane età e, da lì, rimasta una costante. Ella trova nella pittura e nel disegno una fonte terapeutica di notevole importanza. 

Fin da quando era bambina, Francesca è sempre stata ammaliata dalle innumerevoli sfaccettature che il mondo artistico ha da offrire; nel periodo adolescenziale, passava intere giornate a osservare gli artisti che dipingevano per strada, così da poter apprendere alcuni “trucchi del mestiere”. Osservazione, pratica e sperimentazione, dunque, sono ciò che ha spinto Francesca ad essere l’artista che è diventata ora. Lei stessa definisce l’arte come “un costante mettersi alla prova, così da poter in seguito crescere e migliorare”. 

Nel corso della sua vita, l’artista ha avuto modo di cimentarsi in diverse pratiche artistiche: dall’acrilico all’olio, ai pastelli secchi e la grafite. In occasione della sua mostra personale, infatti, si potranno ammirare alcune delle sue opere originali realizzate in grafite e carboncino e pastelli secchi. 

Quali sono i soggetti prediletti di Francesca Taietti? Sicuramente ritratti, di animali e di bambini. Questi denotano un iperrealismo fuori da ogni limite. Quando ci si sofferma a guardare uno dei suoi quadri, viene spontaneo chiedersi: “E’ una fotografia?”. No, è tutto frutto esclusivamente della mano dell’artista. La sua abilità nella realizzazione di sfumature, punti di luce e chiaroscuri è stupefacente. Tutto ciò va ad incrementare una piacevole confusione negli occhi dello spettatore, al quale, osservando i dipinti dell’artista, verranno progressivamente a mancare le proprie conoscenze di base sulla percezione del reale. 

È possibile ammirare le fantastiche opere di Francesca presso Galleria Massella previo appuntamento (LiciaMassella: 3487560462 – Francesca Taietti: 3476346918). Queste rimarranno visibili e disponibili agli occhi dei curiosi e appassionati dal 28 maggio, giorno dell’inaugurazione, fino al 30 luglio 2022.

Domenica 6 marzo h 11 inaugurazione della mostra “PROevo” in Galleria Massella

In Galleria Massella APS
via Dietro Filippini, 13 a Verona

Domenica 6 marzo alle ore 11 si terrà
l’inaugurazione della mostra dal titolo “PROevo”

visioni di donna, amata, odiata, rotta e pericolosa
di Matteo Riedo

a cura di Licia Massella
e Roberta Roman, madre dell’artista
“Un unico impegno: il riscatto ed il riconoscimento e la valorizzazione di un giovane artista.”

Come nella malattia “più indefinibile e invisibile del mondo”, possa comunque essere riconosciuto il talento e la necessità di esprimersi con un proprio stile, riconosciuto, ricercato e affinato.

Opere autentiche (china e acrilico su carta 50×70 cm )
e copie certificate a tiratura limitata.
Visite su appuntamento fino al 24 aprile al 3487560462 Licia Massella e 346 1880111 Roberta Roman

BIENNALE D’ARTE dal titolo

“Chiamata alle Arti”

La mostra biennale dei soci artisti sarà suddivisa in due periodi diversi, con l’esposizione di opere dalle connotazioni figurativa e astratta/ informale, per proporre ai visitatori un ampio spettro di realizzazioni che testimonino la vivacità e la continuità dell’operato artistico dei soci.

1° evento, dal 4 al 16 marzo

Arti figurative

inaugurazione: 4 marzo ore 17.30

2° evento, dal 14 al 27 aprile

Arti astratte e informali

inaugurazione: giovedì 14 aprile ore 18.

•presso l’ex Chiesa di San Pietro Incarnario, piazzetta San Pietro Incarnario, Verona

Le mostre saranno aperte tutti i giorni, con ingresso libero,

dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 19 (il lunedì solo il pomeriggio).

E’ richiesto il Green pass rafforzato.

Informazioni:

info@sbav.it

Io parteciperò con la mia scultura in bronzo dal titolo “Lara”

alta 120 cm.

Vi aspetto,

…. Vi aspettiamo all’evento di inaugurazione della sezione di arte figurativa

venerdì 4 marzo alle ore 17,30 presso la sede espositiva dell’ex Chiesa di San Pietro Incarnario a Verona!

IL BOSCO CHE RIVIVE – Le sculture di Andreoli G. e Ferrari M. a cura di GALLERIA MASSELLA presso FLOVER di BUSSOLENGO – VERONA

Artisti scolpiscono i personaggi del “IL BOSCO CHE RIVIVE”

Una nuova vita a tronchi divelti dalla tempesta Vaia.

Presso il Villaggio di Natale Flover 2021 di Bussolengo-Vr-IT

In occasione del 25°Anniversario FLOVER

Galleria Massella APS –galleria d’arte con sede a Verona, in via Dietro Filippini,13 nota per progetti culturali e sociali- presenta un laboratorio dal vivo di scultura.

I due Scultori Gianfranco Andreoli e Mauro Ferrari realizzeranno in diretta fra il pubblico i personaggi “Il Bosco che rivive” con la direzione artistica di Licia Massella.

I personaggi scolpiti andranno a ripopolare un enorme tronco di castagno, recuperato in provincia di Verona dopo esser stato divelto dalla tremenda tempesta di Vaia. Il maestoso tronco, alto 170 cm e del diametro di 150 cm, del peso di 20 quintali è stato collocato per l’occasione al centro del Villaggio di Natale Flover. Accanto ad esso i due scultori lavoreranno trasformando altri tronchi di cirmolo, recuperati dai resti di disastri ambientali, numerosi personaggi del bosco che andranno via via a ripopolare e far vivere Castagno.Castagno, nonostante le sue menomazioni, era rimasto lì, con i suoi sogni di essere casa per tanti, per tutti.

Fata Stella lo stava illuminando e lui, appena se ne accorse,…. si sentì importante e allargò la sua corteccia per farne una casa ancora più grande. Ben presto tutti gli animali e le piante seppero del miracolo. Arrivarono anche……”

Castagno e i suoi personaggi resteranno in esposizione per tutto il periodo delle festività natalizie e gli scultori all’opera si potranno ammirare il sabato e la domenica, per TRE weekend dalle ore 9 alle 19.30. Rispettivamente il 27 e 28 novembre, il 4 e 5 e il 11 e 12 dicembre.

Il progetto di scultura “Il Bosco che rivive” affronta il Tema ecologico proponendo il Bosco come spazio vissuto e rivissuto. Propone inoltre un Tema fantastico emozionale caro al Natale, attraverso personaggi che abitano il bosco nelle varie tradizioni popolari.

Info 349-7560462 Licia Massella    liciamassella@gmail.com

 

IL BOSCO CHE RIVIVE

Sulla Terra era il tempo che le notti erano buie e fredde.

Gli alberi erano stecchiti e congelati perché il Mago Abbandono e la Strega Solitudine avevano da tempo trionfato.

Accadde finalmente però, in una delle ultime notti di speranza,

che Fata Stella, vagante eternamente nell’universo,

si fermò ad illuminare il punto preciso dove si trovava Castagno.

Castagno era ciò che restava di un grande albero divelto da Vaia, il tremendo ciclone generato dall’incuria dell’uomo.

Castagno, nonostante le sue menomazioni, era rimasto lì, con i suoi sogni di essere casa per tanti, per tutti.

Fata Stella lo stava illuminando e lui, appena se ne accorse,…. si sentì importante e allargò la sua corteccia per farne una casa ancora più grande.

Il Gufo vide la scena e passò la voce a Funghetto.

Ben presto tutti gli animali e le piante seppero del miracolo.

Arrivarono anche gli Gnomi pittori, musicisti, attori e scultori e gli Elfi Abbraccio, Goloso, Colto ed Ecologico.

Si era aperta una Casa accogliente per l’arte, l’amore, la diversità, l’amicizia e la gioia…..che divenivano tesori preziosi da condividere e portare con sé.

Giunsero perfino l’Abbandono e l’Indifferenza, che rimasti tristi, soli e affamati, cercavano conforto nello stare insieme, uniti nel rispetto, nell’amore e nella generosità.

Il Bosco riprese vita, calore e colore e con esso tutta la Terra, fino ad allora congelata, si ripopolò di amici………sorridenti, gentili….e felici. 

                                                                                        testo di Licia Massella
Mauro Ferrari nasce a Verona il 15 febbraio 1967 da sempre vicino alla montagna veronese la Lessinia. Inizia a conoscere il legno da bambino e sotto la guida del nonno materno comincia a lavorarlo, conoscerlo e rispettarlo.

Avendo una buona manualità realizza i suoi primi utensili da lavoro e crea figure di animali.

Scultore autodidatta inizia nel 1995 creando sculture semplicemente per sé stesso o per amici, ma dal 1998 inizia a proporsi agli occhi del pubblico e della critica.

Oggi le sculture di Mauro Ferrari sono collocate in numerosi luoghi pubblici della Lessinia, d’Italia e all’estero.

Nel 2013 espone in Sala Birolli a Verona con il pittore Michele Tale per l’evento denominato “Lessinia, altopiano dei silenzi”. Dal 2014 realizza anche sculture di grandi dimensioni, organizza e dirige numerosi simposi e conduce laboratori rivolti al pubblico.

Studio: Velo Veronese-Lessinia- Verona. Cell. 3402319291

Mail mferrariscultore@alice.it

Facebook: mauro ferrari scultore (uomo degli alberi)     instagram: uomodeglialberi

Linkedin: mauro ferrari scultore    twitter: uomodeglialberi scultore


Gianfranco Andreoli è nato a BERGANTINO nel 1948, si è diplomato all’Istituto d’arte di Castelmassa (RO). 

Docente di educazione artistica. Ha privilegiato la scultura in legno, non trascurando l’uso degli altri materiali.

Ha partecipato a Mostre personali in Italia e collettive anche all’estero. 

Lavora ad Ostiglia e Melara, dove ha uno studio di progettazione.

“La sua opera trae spunto dalla storia e dalla tradizione della terra di origine per rappresentare, attraverso figure emblematiche, i principi che ancorano l’essere umano a certezze e permettono di sviluppare la libertà creativa su cui si fonda l’autentica relazione. Una scultura metaforica che, da figurativa e narrativa, diviene sempre più stilizzata, simbolica ed universale.” (L.M.)

Da alcuni anni realizza, con materiali di riciclo,“La vecia” per il giorno dell’Epifania in Piazza Bra a Verona.

Cell. 338 469789    creativoarte48@gmail.com

Licia Massella inizia il lavoro di Scultrice nel 1991 appena ottenuto il titolo di Maestro d’Arte presso l’Accademia di belle Arti di Verona.

Ha realizzato il grande monumento del “Leone alato” per il Comune di Bussolengo e le sue sculture, per lo più modellate in creta e fuse in bronzo, sono in tutto il mondo.

Dal 2005 Dirige Galleria Massella APS, associazione di promozione sociale, con la quale organizza mostre personali, collettive e numerosi eventi espositivi e di laboratorio aperti a tutti. Nel 2011 ha riavviato il Teatro Satiro di Verona con numerose attività performative e di spettacolo.

Cell.3487560462  liciamassella@gmail.com

www.liciamassella.com     www.galleriamassella.com
 
  IL BOSCO CHE RIVIVE

Gli artisti Gianfranco Andreoli e Mauro Ferrari scolpiscono i personaggi

 del “IL BOSCO CHE RIVIVE”.

Per TRE weekend dalle ore 9 alle 19.30.

Rispettivamente il 27 e 28 novembre, il 4 e 5 e il 11 e 12 dicembre.

EVENTO

SABATO 11 DICEMBRE, in occasione della GIORNATA DEL CONTEMPORANEO AMACI: PRESENTAZIONE DELLE SCULTURE REALIZZATE.  Con la presenza degli scultori Gianfranco Andreoli e Mauro Ferrari, la curatrice Licia Massella ed il titolare FLOVER Silvano Girelli. Lettura animata con il pubblico.

POTRETE AMMIRARE L’INSTALLAZIONE PRESSO IL GIARDINO D’INVERNO DEL VILLAGGIO DI NATALE FLOVER DI BUSSOLENGO PER TUTTO IL PERIODO DELLE FESTE NATALIZIE.
L’installazione è composta dall’enorme tronco di “Castagno” su cui sono state inserite “Fata stella”, “l’Elfo pittore”, “lo Gnomo pescatore” sculture in legno di cirmolo di Gianfranco Andreoli e “il Gufo”, “lo Gnomo lettore” e “la Ninfa musicista con il flauto” in legno di cirmolo di Mauro Ferrari; “Chiocciolino”, “Scoiattolo” e “i Leprotti” modellati in argilla da Licia Massella. 

Traduci »