Sabato 6 maggio ore 17.30 TONI COSTA scultore “L’essenza del vuoto”

GALLERIA MASSELLA

in via Dietro Filippini, 13 a Verona (zona Filippini)

presenta la mostra personale di

TONI COSTA Scultore

dal titolo “L’ESSENZA DEL VUOTO”

a cura di Licia Massella

Dal 6 maggio al 9 giugno 2017

Inaugurazione: Sabato 6 maggio alle ore 17.30.

Lo scultore Antonio Costa è nato a Verona nell’ottobre del ’65.
A metà degli anni novanta inizia a dare forma alle sue fantasie utilizzando il legno.

 “Servirebbe ben più di una vita per dare forma a tutto quello che passa per la testa.

Spesso mi chiedo perché scolpire, perché tutto questo impegno, la polvere, l’arduo lavoro di portare a casa tronchi di vari quintali di peso con l’aiuto di amici… la risposta non la saprei dare con esattezza.

Alcune opere sono nate come una sorta di riscatto, per ridare una nuova esistenza a questi esseri viventi abbattuti per qualche motivo più o meno condivisibile.”

Dall’estate del 2012 ha iniziato un percorso nuovo, un’interessante tributo alla bellezza e alla sinuosità del corpo femminile anche se questo, in effetti, non c’è.

A volte ho una sensazione strana guardando alcuni soggetti appena conclusi, non mi so spiegare da dove arrivino, ed io mi sento “solo” un attuatore, un tramite che ha permesso a questa creatura di materializzarsi”.


Queste sculture sono state interamente svuotate finché non rimane uno spessore di 1-3 centimetri. Rimane così solo “l’abito”, il soggetto non c’è. Uno dei segreti dell’artista Toni Costa per riuscire a portare a termine queste opere è lavorare e soprattutto svuotare il tronco finché il legno è ancora fresco, tenendolo umido e lontano da fonti di calore.

“Con questi lavori sto scoprendo che il vuoto ha una sua magia e ha altrettanta importanza del pieno, anzi lascia spazio all’immaginazione di creare un’identità a piacimento.”

“Durante il processo di creazione di una scultura c’è sempre un momento in cui mi sembra di aver smarrito la lucidità e mi sorgono forti dubbi sul risultato: è molto importante aver fiducia e saper rischiare anche interventi azzardati. Grazie al lavoro eseguito con gli scalpelli, le “sgorbie”. La lentezza di lavorazione a cui si è costretti unita all’assenza del fastidioso frastuono degli attrezzi meccanici, lascia il tempo di osservare il cambiamento graduale che sta subendo l’opera. In effetti è questa la dimensione che prediligo; quando il ritmico martellare si associa, in una sorta di sinfonia nascosta, al respiro, al battito del cuore, all’utensile giusto con la giusta affilatura. Ed è un sottile piacere molto “nutriente”….

Il Vuoto come l’Infinito , come non misurabile capacità di essere e comprendere ogni cosa. L’universo femminile, come lo ritrae l’artista Toni Costa, è l’infinito dove ha origine la fantasia e la creatività dell’altro, che può inventare, vedere e immaginare colei che lo potrà corrispondere. (L.M.)

Info 3487560462  liciamassella@gmail.com  Facebook: Galleria Massella    www.galleriamassella.com  www.tonicostascultore


Loc. Costa

Lascia un commento

Traduci »